martedì 13 febbraio 2018

Castel Rigone e Le Terre Del Belveduto






Turismo, arte, gusto e tramonti sul lago……..

Sabrina Giommini    348/6081891

CASTEL RIGONE
E LE TERRE DEL BELVEDUTO
Progetto di promozione territoriale in attuazione
 del Progetto Pilota “Happy Village”


-            
L’associazione Happy Hour, con il progetto pilota “Happy Village”, intende promuovere un’idea di sviluppo territoriale che prevede la creazione  di servizi condivisi , promozione integrata, sviluppo delle attività esistenti e creazione di nuove, in un'ottica di innovazione e sostenibilità. Fondamentale la collaborazione con istituzioni, aziende del territorio, e con chiunque, inclusi i privati cittadini locali, ne voglia condividere gli obietti ed  imprimere una svolta importante all’economia locale.
Cos’è il progetto di ospitalità diffusa “Terre del Belveduto”?

Nell'ambito di questo progetto pilota rientrano le "Terre del Belveduto", un’idea di ospitalità diffusa con forte valenza sociale che coinvolge uno specifico territorio: l'intero borgo di Castel Rigone e delle zone circostanti, le strutture ricettive della frazione, le aziende agricole, le attività in generale.
L’intento è quello di contribuire a creare uno spazio di incontro tra le aziende, le strutture ricettive esistenti e nel contempo attivare iniziative volte alla creazione di un albergo diffuso nel borgo di Castel Rigone.
L’albergo diffuso ( da ora in poi AD) è un modello di ospitalità originale e di sviluppo turistico del territorio che mette a sistema i servizi esistenti.
L’AD è concepito per offrire agli ospiti l’esperienza di vita in un centro storico di una città o di un paese, potendo contare su tutti i servizi alberghieri, cioè su accoglienza, assistenza, ristorazione, spazi e servizi comuni per gli ospiti, alloggiando in case e camere che distano non oltre 200/300 metri dal “cuore” del AD: lo stabile nel quale sono situati la reception, gli ambienti comuni, l’area ristoro.
Ma l’AD è inoltre un modello virtuoso di sviluppo del territorio che non crea impatto ambientale poiché  non è necessario costruire niente, dato che si recupera/ristruttura e si mette in rete quello che esiste già.
Inoltre un AD funge da “presidio sociale” e anima i centri storici stimolando iniziative e coinvolgendo i produttori locali considerati come componente chiave dell’offerta.
Un AD infatti riesce a proporre più che un soggiorno, uno stile di vita, grazie a l’autenticità della proposta, alla vicinanza delle strutture che lo compongono e alla presenza di una comunità di residenti.
Infatti le iniziative di AD non possono perciò nascere in borghi abbandonati e offrono un contributo valido per contrastare lo spopolamento dei borghi.                                                    
 L’AD non risente delle stagioni ( alte o basse)  poiché offrire uno stile di vita è spesso indipendente dal clima.
L’AD può generare indotto economico e migliorare la qualità della vita nei borghi anche per gli abitanti stabili che possono usufruire dei servizi e iniziative presenti.

A chi è rivolto il progetto?

Il progetto si rivolge a chiunque voglia attivarsi nell’offerta di beni e servizi destinati a soddisfare le esigenze sia dei turisti che  degli abitanti (stabili o temporanei) del luogo,  attraverso iniziative volte a garantire al tempo stesso sostenibilità economica, ambientale, sicurezza, in un clima di condivisione e convivialità.
In particolare a chi già esercita attività alberghiera e non, o vuole offrire ospitalità di tipo relazionale (B&B). A chi affitta le proprie case o possiede a una seconda casa o qualche camera spesso inutilizzata e vuole farne fonte di reddito.
A chi cerca nuovi sbocchi imprenditoriali, a chi produce e vende prodotti tipici, a chi è in grado di preparare piatti tipici locali, a chi vuole guidare i turisti negli itinerari turistico-culturali naturalistici e a  favorirne  l’integrazione con usi, costumi e  tradizioni locali attraverso la fornitura di servizi dedicati.
Che vantaggi può offrire?

Per gli imprenditori: i vantaggi sono legati alla diversificazione dell’offerta ricettiva che,  attraverso la messa in rete delle abitazioni dei privati, delle strutture ricettive, delle aziende e dei servizi, non mette in concorrenza le strutture già presenti, ma apre invece  a target diversi e  permette di ospitare  anche eventi ( matrimoni, cresime, battesimi, congressi, ecc.) che le attuali strutture non sono in grado di ricevere. Non toglie ma amplifica le possibilità di ricezione turistica in un’ottica di promozione integrata, aumenta la forza sul mercato nazionale ed estero, incrementa in modo  esponenziale i servizi e le attività di “animazione” con prezzi contenuti in quanto gestiti in modo collettivo e avvalendosi di moderne tecnologie e di stili di vita bene organizzati a misura d’uomo, tenendo conto di anziani, bambini, residenti, turisti.
Per gli abitanti del borgo i vantaggi sono legati alla possibilità di sviluppo economico del paese,  ad un aumento dell’occupazione oltre che allo scambio intergenerazionale, al possibile incremento dei servizi fruibili dall’intera comunità. I proprietari di abitazioni vedranno rivalutarsi le loro proprietà e trasformarle una fonte di reddito. Gli artigiani potranno organizzare dei corsi per la realizzazione di prodotti artigianali locali,
Tutti potranno usufruire di tutto ciò che il villaggio offre a prezzi contenuti e accedere a servizi collettivi, a richiesta e con spesa contenuta,  come un portierato, infermieri, badanti, baby sitter, medico. Sarà possibile accedere anche a tante piccoli laboratori artigianali con bottega, bus navetta, ristori ed altri punti di aggregazione.
Per gli abitanti sia stabili che temporanei si creerà un ambiente “a misura d’uomo” ed all'insegna della sicurezza, per una migliore vivibilità del borgo.

Per i turisti il vantaggio è la possibilità di vivere una esperienza unica in un posto particolare e magico. Non più turisti, ma “residenti temporanei”, visto che entreranno a far parte della vita del borgo, e direttamente coinvolti nelle varie attività di “animazione”.




Punti di forza dell’iniziativa

Castel Rigone è da millenni un luogo di passaggio di genti e incrocio e civiltà, possiede un valore storico, paesaggistico, ambientale e presenta molte potenzialità e fattori positivi già esistenti che possono già rendere operativo il progetto con poche azioni.
Logistici: la vicinanza con il lago Trasimeno, da ogni luogo del borgo è possibile godere di una splendida vista, una vera e propria “terrazza sul lago” dalla quale si può ammirare il secondo tramonto più bello del mondo: da qui il nome “Terre del Belveduto”
 La vicinanza con la Toscana, e la possibilità di raggiungerla anche a piedi attraverso la suggestiva strada panoramica, la vicinanza al raccordo autostradale e luoghi di interesse, in un punto strategico di collegamento, pur trovandosi in mezzo alla natura ed alla quiete
Il nome “Terre del Belveduto”  
Edifici pubblici e privati, servizi che danno valore aggiunto al progetto: l’esistenza di strutture ricettive di alto livello qualitativo, (case vacanza, residenze, b&b, relais e residenze storiche, ecc, che permettono di indirizzarci ad un target di clientela di qualità). Nello specifico il relais, grazia alla sua posizione, potrebbe essere la base operativa della gestione degli ospiti e centralino, ma anche punto informazioni, con la sua reception già operativa e ottimizzare i servizi di cui già dispone condividendoli con la comunità, come ad esempio la sala del camino, il ristorante con terrazza sul lago, l’ampio salone per cerimonie, la lavanderia, la piscina con idromassaggio, la sala lettura, ecc. Case vacanze complete di tutti i comforts, strutture agrituristiche dove svolgere attività in mezzo alla natura, produttori agricoli di altissimo livello qualitativo, base dell’enogastronomia locale. La presenza di case private da ristrutturare o in vendita, case private sfitte, le residenze e strutture ricettive fuori dal centro storico ma comunque all’interno della frazione. Il Santuario della Madonna dei Miracoli, del XV secolo, splendida location per matrimoni e cerimonie. Il Parco La Rigonella, Il Belvedere, il Santuario, e tutti gli spazi e le proprietà della Chiesa. I centri per il benessere, come la clinica per la cura delle malattie respiratorie, il campo sportivo con annessa palestra, i campi da tennis, minigolf, le piscine, sia privati che ad uso pubblico. Il teatro, la biblioteca e gli altri spazi e strutture comunali attrezzate (sede delle associazioni locali con cucina, parco giochi, ecc).  Il negozio di alimentari e bottega di prodotti tipici locali e gastronomia pronta; la pizzeria – spaghetteria, le altre attività commerciali: bar, farmacia, ufficio postale, sportello bancomat, lo studio medico.

 Tradizioni e cultura:l’antica tradizione di artigianato artistico di qualità, la presenza di una consuetudine secolare con l’arte e lo spettacolo, sia per le storiche serate danzanti, che per la musica, vista la presenza ultracentenaria di un’affermata banda ( fondata nel 1894) e di uno storico teatro ( aperto dal 1907) , oltre alla manifestazione estiva concertistica ( attiva dal 1997).
Fattori umani: L’associazionismo locale molto attivo ( La Festa dei Barbari, Il Festival dei Giovani Concertisti, e altri eventi, concerti, veglioni, cene, mercatini di Natale, ecc.) in vari periodi dell'anno da parte di singoli o gruppi di abitanti costituisce una esperienza e risorsa importante. La presenza di numerosi giovani e bambini, per i quali costruire un futuro nel loro luogo di nascita e di crescita è molto importante inoltre questi stessi giovani e bambini a loro volta costituiscono una risorsa preziosa ed una doppia carta vincente non frequente in molti antichi borghi.

Come attuare il progetto

La rete di ospitalità e la gestione dei servizi dovrà essere seguita da esperti e inserita in un sistema organizzato che dovrà occuparsi delle varie attività. Indispensabile sarà inoltre l’utilizzo di mezzi telematici, la creazione di un portale in grado di fare da vetrina delle “Terre del Belveduto” dove i turisti potranno accedere direttamente e scegliere tra i diversi presidi ricettivi, dove sarà promosso il territorio, aziende, attività, servizi ed eventi.
In loco dovranno essere creati segnaletica, punti informativi (infopoints), guide cartacee, ecc..
Sempre attraverso il coinvolgimento diretto degli abitanti,  dell'amministrazione comunale e grazie ai possibili finanziamenti derivati da fondi europei, nazionali, crownfunding  ecc si potranno prevedere interventi  sia a:
ü  livello urbanistico: restauro e la riqualificazione di aree e beni pubblici e privati come case, appartamenti, strade, ecc. )
ü  livello sociale: recupero di antiche attività artigianali, creazione di nuove realtà imprenditoriali, creazione di nuovi servizi fruibili sia dai turisti che dalla collettività come animazione, organizzazione di eventi, attività sportive e del benessere, visite nelle aziende agricole, itinerari guidati, ecc e la riqualificazione di servizi già esistenti in un’ ottica virtuosa di fruibilità collettiva come a esempio centrali di acquisto e servizi, economia locale e circolare, barter.


Il ruolo dell’Associazione Happy Hour

L’Associazione Happy Hour opera in vari ambiti ed ha sviluppato iniziative sia in ambito regionale che nazionale. In ambito locale (e nello specifico a Castel Rigone) ha negli anni organizzato iniziative ed eventi di “animazione” per aumentare l’attrattività del luogo, sia culturali, ricreative, sportivi e di promozione dei prodotti locali.
Ampia pubblicità alle iniziative è stata data attraverso materiale cartaceo e sui social (pagina istituzionale e gruppi).
Il progetto pilota “Happy Village” è nato proprio da un’idea di sviluppo territoriale per Castel Rigone ed il territorio circostante, per poi essere abbracciato anche da altre realtà che ne hanno condiviso gli intenti.
L’associazione si è mossa per ricercare collaborazioni con enti, istituzioni anche con l’obiettivo di garntire un supporto economico all’iniziativa. In questi ultimi anni ha organizzato e promosso varie iniziative a beneficio dei soci e della comunità locale, iniziando a lavorare sul programma di “animazione” del villaggio “Terre del Belveduto”.
Numerosi sono stati gli incontri riferiti alla divulgazione dell’idea progettuale (circa dieci da ottobre 2015) con lo scopo di  coinvolgere gli stakeholders/portatori di interessi (abitanti, enti locali, strutture ricettive, aziende, imprese commerciali, aziende agricole, associazioni, ecc).  E’ stata creata nella primavera 2016  la pagina Facebook ” Terre del Belveduto” dove sono state messe in rete tutte le attività estive e non per permettere una rapida e completa visione di tutte le iniziative e offerte presenti, una “vetrina" dove chiunque può esporre e proporre e promuovere le sue  iniziative.
L’associazione Happy Hour si occupa inoltre di informare i soci e non sul progetto sia attraverso la diffusione di materiale cartaceo,  sia sulla  sua pagina facebook “Terre del Belveduto” che attraverso newsletters.
L’intento dell’associazione è quello organizzare anche in futuro  altri eventi e manifestazioni volti a valorizzare le specificità  sia in termini di produzioni che di tradizione, cultura e storia, e di collaborare con le altre associazioni, continuando a promuovere e pubblicizzare, attraverso i suoi canali, anche gli altri eventi locali ( es. Festa dei Barbari, Festival dei Giovani Concertisti, Mercatini di Natale, le feste religiose, quelle esistenti nelle vicinanze,  coinvolgere  le aziende e le strutture ricettive, per far in modo che tutti dagli eventi e le manifestazioni organizzate tutte le aziende possano trarne beneficio ( prodotti a kmzero, artigianato locale, creazione  “pacchetti turistici” con le varie strutture ricettive locali).
Promuovere la nascita di un luogo fisico (info point) dove il turista può trovare informazioni, brochures delle strutture ricettive, servizi, programmi degli eventi e iniziative.
Creare sinergie con realtà in grado di accrescere il valore del progetto ( es collaborazione con istituti di ricerca)

Agli interessati a qualunque titolo si rivolge quindi l’invito a manifestare la propria adesione al programma, utilizzando il modello che può essere ritirato presso la sede dell’associazione ( Piazza Monterone n,1 Castel Rigone) oppure scaricato dalla nostra pagina facebook “Terre del Belveduto”


Per informazioni:   Sabrina Giommini  - Mob. 348/6081891
E-Mail: happyvillagecastelrigone@gmail.com
Social: Pagina Facebook – “Terre del Belveduto”
Vedi anche: Gruppo e pagina Facebook  -  Happy Hour - Gruppo “Amici di Rigonella”

giovedì 11 febbraio 2016

TOUR DEGLI INNAMORATI A MONTECASTELLO DI VIBIO

Un romantico borgo a forma di cuore, un piccolo teatro, il più piccolo del mondo: quale occasione migliore per visitare Montecastello di Vibio se non per San Valentino?


Le Residenze l'alberata vi aspettano Domenica 14 Febbraio per passare insieme una giornata romantica all'insegna di tante dolcezze da condividere con la persona che ami


fino alle ore 11.00 Colazione romantica a buffet 

Ore 11.30 Partenza per il tour degli Innamorati con visita del Teatro della Concordia e passeggiata nel romantico borgo di Montecastello di Vibio.

A ciascuna coppia verrà consegnato un cestino gourmet con prodotti a kilometro 0 da degustare durante l'ora di pranzo
Rientro a Collazzone nel primo pomeriggio 

Il costo della giornata è di € 45 a persona.


PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO E NON OLTRE VENERDI' 12 FEBBRAIO ORE 13.00

PER INFO E PRENOTAZIONI TELEFONARE AI NUMERI 075 5287062 - +39 3486081891 O INVIARE E MAIL A info@kmzerotour.it




giovedì 3 dicembre 2015

HAPPY VILLAGE: L’ALBERGO DIFFUSO NEL BORGO DI CASTEL RIGONE




Avete già sentito parlare di Albergo diffuso, vero? E magari vi siete chiesti più volte di cosa si tratta. 

Bene, proveremo a spiegarlo presentandovi un progetto virtuoso, complesso ma quanto mai fattibile, frutto dell’associazione HappyHour.

Prima di entrare nel merito dell’argomento, vi diamo un breve accenno sull’associazione che si fa promotore del progetto.

Happy Hour, traduzione letterale “Ora felice”, nasce nel 2007 a Castel Rigone (frazione del comune di Passignano sul Trasimeno), con la volontà di creare un percorso di vita originale che prevede relazioni con il prossimo e con l’ambiente circostante come elemento indispensabile per un miglioramento della qualità della vita, e coinvolge salute, relazioni sociali, integrità ecologica, giustizia economica e sociale, democrazia, ispirandosi ai principi della Costituzione Italiana e della Legislazione Europea. 

Nell’ambito del suo scopo sociale, l’associazione intende promuovere un’iniziativa di sviluppo territoriale in collaborazione con istituzioni, aziende del territorio, e con chiunque, inclusi i privati cittadini locali, ne voglia condividere gli obiettivi. L’iniziativa prende il nome di “Happy Village” e nasce da un’idea di “albergo diffuso nel borgo di Castel Rigone”.


Questo modello ricettivo si basa sulla concezione di un albergo che non si costruisce e che permette agli ospiti di vivere la vita dei luoghi: le case disabitate diventano le camere di una struttura che è in grado di offrire tutti i servizi alberghieri nelle immediate vicinanze in un contesto di autenticità, senza dover ricorrere alla creazione di una struttura apposita che le raccolga in un unico edificio. 

Si tratta infatti di un modello di sviluppo del territorio che non crea impatto ambientale: non è necessario costruire niente, dato che ci si limita a recuperare, ristrutturare e mettere in rete quello che esiste già. A differenza di altre forme ricettive, questa rappresenta anche una filosofia dell´ospitalità e dello sviluppo turistico dei territori, un modello di sviluppo sostenibile, attento alla cultura dei luoghi, una rete che genera filiere e che rappresenta un contributo al contrasto dello spopolamento dei borghi. Se opportunamente integrato in una gestione complessiva dell'accoglienza turistica e stabile, può diventare il punto di snodo cui fanno riferimento tutti gli esercizi commerciali, artigianali e di servizi di un centro abitato.


In realtà, Happy Village è un progetto molto più complesso di promozione dell’economia locale, dove la valenza turistica rappresenta soltanto uno degli aspetti: l’intento è quello di creare sinergie e servizi utili al turista ma soprattutto all’intera comunità, in una visione condivisa di sviluppo e valorizzazione del borgo e del suo territorio. 

Ecco che diventa fondamentale il coinvolgimento degli abitanti del borgo, che potranno trarre enormi vantaggi da questo progetto: chi, per esempio, ha una seconda casa può decidere di trasformarla in una fonte di reddito, le casalinghe in grado di preparare piatti tipici locali potranno condividere la loro esperienza, i giovani potranno diventare ragazzi ciceroni del territorio e guidare gli ospiti negli itinerari proposti, favorendo la loro completa integrazione con gli usi e costumi del borgo, gli artigiani potranno organizzare dei corsi per la realizzazione di prodotti artigianali locali. Tutto ciò contribuirà allo sviluppo economico del paese e ad un aumento dell’occupazione oltre che allo scambio intergenerazionale. 


L’iniziativa è stata pensata tenendo conto delle potenzialità reali del borgo di Castel Rigone e sui fattori positivi già esistenti, che con poche mosse possono già rendere operativo il progetto: da fattori di natura logistica, come la vicinanza del borgo a punti strategici (Lago Trasimeno, Toscana, raccordo autostradale), a fattori di natura culturale e strutturale, come la disposizione logistica dell’intero borgo e tutta la realtà circostante, Il valore storico, paesaggistico e ambientale, l’antica tradizione di artigianato artistico di qualità; la presenza di una consuetudine secolare con l’arte e lo spettacolo, come la musica, vista la presenza ultracentenaria di un’affermata banda e di uno storico teatro; l’esistenza di strutture ricettive di alto livello qualitativo.


Insomma, un vero e proprio “villaggio felice” dove la vita di comunità viene ripristinata, avvalendosi però di moderne tecnologie e di stili di vita bene organizzati a misura d’uomo, tenendo conto di anziani, bambini, residenti, turisti. Il progetto si propone di comunità di persone che vive (stabilmente o parte dell’anno) in un luogo dove può usufruire di servizi collettivi, in un ambiente ricco di stimoli culturali e artistici, un luogo di condivisione e di convivialità.


Piazza Monterone, Castel Rigone


Cosa ne pensate dell’ iniziativa Happy Village? Vi aspettiamo nei commenti!



domenica 15 novembre 2015

Progetto Pilota Happy Village "Albergo diffuso di Castel Rigone"



martedì 26 maggio 2015

“Fotografando acqua e natura”, Sabato 30 maggio 2015

Bus, guida multilingue, degustazioni. Tutto gratuito!!!


IN MENTE FELICITAS, IN CORPORE SALUS


“FOTOGRAFANDO ARTE E NATURA”


Workshop di fotografia e presentazione della mostra fotografica . In collaborazione con Arte Natura per educare allo stupore, alla bellezza, all’osservazione , al racconto che aiuta i ragazzi a recuperare il senso della realtà, in un’epoca multimediale. Mezzi tecnici e informatici vengono utilizzati, ma la priorità è data alla passeggiata, al racconto, al gioco didattico e scientifico con una metodologia esperienziale.

A seguire una degustazione guidata di prodotti tipici locali con racconto di ricette e curiosità relative alle produzioni.

Passeggiata itinerante di facilissima percorribilità lungo il sentiero che porta ad un fontanile prima ed ad un meraviglioso scorcio paesaggistico con alcune piccole soste volte alla spiegazione della flora e della fauna del luogo con particolare riferimento al rapporto acqua-territorio.

Obiettivo: sviluppare un cammino attento e consapevole alla scoperta delle specie presenti attraverso una stimolazione tattile ed olfattiva. I partecipanti verranno invitati a toccare ed odorare elementi come corteccia, fiori, muschi etc…

Le fotografie più belle scattate durante la giornata dei paesaggi e dei particolari naturalistici in particolare riferimento all’acqua verranno pubblicate nel sito e nella pagina face book.




Il turista (sia locale, nazionale, straniero) potrà raggiungere il più vicino punto di raccolta (KmZeroTour Bus Stop) e salire nel bus/navetta dislocati nel territorio.


Ore 08:15 Tuoro sul Trasimeno (Piazzale svincolo superstrada – Volante Inn)


Ore 08:30 Magione (Piazzale A&O – di fronte Mercatone Uno)


Ore 09:00 Perugia uscita Madonna Alta (parcheggio Borgonovo)


Ore 09:20 Perugia Ponte San Giovanni (parcheggio Park Hotel)


Rientro previsto nei luoghi di raccolta intorno le ore 15:00.


Per gli orari ed ulteriori informazioni: Tel. 366/2875687


In caso di maltempo le attività verranno svolte al chiuso. Poiché il tour si svolge in autobus, è necessaria la Prenotazione Online CON CONFERMA DI DISPONIBILITÀ. Verranno privilegiati i nuovi fruitori. Per gruppi di turisti alloggiati presso le strutture ricettive, si possono prevedere dei punti di raccolta alternativi qualora questo non comporti variazioni al programma previsto. 


Il presente programma potrebbe subire variazioni.

venerdì 17 aprile 2015

i tour di domani

“Passeggiata a Nocera sulle vie di Francesco”, Sabato 18 aprile 2015


Visita guidata al Borgo di Nocera Umbra e visita alla Pinacoteca.

In occasione della passeggiata organizzata dall’amministrazione comunale l’ultimo tratto del percorso ci ricollegheremo al gruppo per arrivare insieme alle fonti di Bagnara.

L’ESTATE DI FRANCESCO A NOCERA

Ripercorreremo i luoghi dell’ultima estate di San Francesco, quella del 1226, trascorsa a Nocera insieme agli amici più intimi, per trovare riparo dalla calura estiva e per curarsi con l’acqua Santa di Nocera e la terra medicamentosa. Saliremo da Casebasse su La Romita e poi fino alla sorgente del Topino, a Bagnara, cantata da Dante nel Canto XI del Paradiso per descrivere i luoghi natii del Poverello. Passeggiata tranquilla con soste per la spiegazione e momenti di ristoro.


Ore 12:00 degustazione di podotti tipici delle aziende agricoli locali.

Il turista (sia locale, nazionale, straniero) potrà raggiungere il più vicino punto di raccolta (KmZeroTour Bus Stop) e salire nel bus/navetta da:

Ore 08:30 Tuoro sul Trasimeno (Piazzale svincolo superstrada – Volante Inn)

Ore 08:45 Magione (Piazzale A&O – di fronte Mercatone Uno)

Ore 09:00 Perugia uscita Madonna Alta (parcheggio Pian di Massiano)

Ore 09:15 Perugia Ponte San Giovanni (parcheggio Park Hotel)

Per gli orari ed ulteriori informazioni: Tel. 366/2875687

In caso di maltempo le attività verranno svolte al chiuso. Poiché il tour si svolge in autobus, è necessaria la Prenotazione Online CON CONFERMA DI DISPONIBILITÀ.

Tour Arancio “Il Trasimeno futurista di Dottori”, Sabato 18 aprile 2015

Bus, guida multilingue, degustazioni. Tutto gratuito!!!

Accompagnati dal Prof. Giovanni Riganelli iniziamo il tour con la visita guidata alle Opere del Dottori nel Comune di Magione * Un interprete tradurrà in inglese le spiegazioni.


Gerardo Dottori nasce a Perugia nel 1884 Tra il 1904 e il 1907 realizza le prime opere convincenti dagli accenti divisionisti Scopre la pillola en plein air durante le escursioni sui monti umbri e l’amore per le visioni di un paesaggio più ampio. Aderisce la Futurismo fondato nel 1909 da Martinetti nel 1914 organizza al Politeama Turreno di Perugia alla quale partecipa Martinetti stesso Nel 1931 viene ufficialmente pubblicato il Manifesto dell’ aereopittura del cui stile Dottori fu uno dei primi interpreti ed ideatori Muore a Perugia il 13 giugno del 1977

Al Palazzo Comunale di Magione, tra il 1948 ed il 1949 Dottori viene incaricato di decorare la Sala del Consiglio qui divise in due sezioni vedremo nella parte destra le frazioni del comune che si affacciano sul lago dove simbolicamente in ogni veduta sono evocati rimandi allegorici alle attività legate alla pesca mentre a sinistra le frazioni interne e collinari con elementi di rievocazioni agricola, al centro una veduta di Magione come si presentava nel 1949

Passeremo poi a visitare la Chiesa di San Giovanni Battista decorata nello stesso periodo.

MONTECOLOGNOLA Chiesa della Ss. Annunziata:Riprendiamo la Visita a Montecolognola

La chiesa della SS. Annunziata, ad unica navata fu costruita nel 1486 e danneggiata durante il secondo conflitto mondiale, fu restaurata nel 1947. Riportata alle primitive forme trecentesche nella struttura esterna, all’interno ha subito varie trasformazioni. L’antica sacrestia è una cappella a pianta quadrata, dedicata a Santa Lucia, decorata dall’artista nel 1949. Alle pareti laterali, entro lunette a tutto sesto reca a sinistra l’immagine della santa mentre sta per subire il martirio, a destra l’apparizione di Sant’Agata a Santa Lucia. Sulla parete di fondo la Creazione. Nella cupola, da cui si diffonde la luce, è raffigurato un delicato paesaggio lacustre e collinare della tipica campagna umbra. Nei pennacchi fanno da raccordo angeli e fiori monocromi, prismi geometrici alternati a quattro stemmi, quello sull’ingresso cardinalizio e di fronte quello del Comune di Magione.

Ripartiamo poi per MONTESPERELLO dove vedremo la Chiesa di San Cristoforo:

II decoro della chiesa fu concluso e inaugurato il 3 luglio 1949. Sulle pareti dell’abside in tre scomparti si dispongono i dipinti murali raffiguranti le fasi salienti della vita di San Cristoforo. A sinistra la Conversione, al centro San Cristoforo porta sulle spalle Gesù Bambino per fargli attraversare il fiume. La gigantesca figura primeggia al centro di un paesaggio caratterizzato da forti contrasti luminosi, le acque si increspano vivacemente al suo passaggio e l’atmosfera cupa delle nubi minacciose è stemperata da un arcobaleno con i suoi bagliori stilizzati. A destra è raffigurato il Martirio del santo ripetutamente colpito da frecce, in atto di pregare affinché le sue pene facciano guarire agli occhi il sovrano che lo condannò, colpito per sbaglio da un arciere. Dopo la sua decapitazione avvenne il miracolo e il sovrano si convertì diffondendo il culto di San Cristoforo. La figura del santo in ginocchio ha per sfondo un arido paesaggio collinare.

Degustazione presso l’ azienda agricola Villarancio che ci preparerà la degustazione di legumi ed olio extra vergine di oliva.

Il turista (sia locale, nazionale, straniero) potrà raggiungere il più vicino punto di raccolta (KmZeroTour Bus Stop) e salire nel bus/navetta da:

Perugia Ponte San Giovanni, Pian di Massiano, ore 14.30-14.45

Magione ore 15.00 Parcheggio davanti al Mercatone – inizio tour alle ore 15.15 davanti al Castello dei Cavalieri di Malta

Per gli orari ed ulteriori informazioni: Tel. 366/2875687


In caso di maltempo le attività verranno svolte al chiuso. Poiché il tour si svolge in autobus, è necessaria la Prenotazione Online CON CONFERMA DI DISPONIBILITÀ.